Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Anche tu in letargo? Metafore animali nell’Italia del Censis

cow-1.jpg!BlogE dopo le metafore dal mondo marino (l’Italia “disormeggiata” del 2003 e l’ Italia “mucillagine” del 2007); quelle tecnologiche (l’Italia “replicante”, 2009) quelle medico-psicoanalitiche (l’Italia “in calo di desiderio” 2010) e quelle culinarie (l’Italia “sciapa” del 2013), per il rapporto Censis sulla situazione del Paese è arrivato quest’anno il momento delle metafore animali.

Come sempre il tempismo immaginifico non manca, giacché al cinema in questi giorni arriva il film sulle origini di Moby Dick e si attende a breve il nuovo film d’animazione “Pets” – per non parlare dei gattini imperversanti sui social.

Ma a quale animale assomiglia l’Italia?

Il Censis la descrive “in letargo” e quindi l’immaginazione corre all’orso, più che al gatto. Famiglie e imprese restano, secondo il Censis, in un “recinto securizzante (sic)”: e se di recinto si parla, che si tratti di una mucca?

La mucca ovviamente in letargo non ci va, ma qui si intravede una ricchissima tradizione metaforica, perlopiù legata al dibattito economico e in materia di imposizione fiscale: quante volte imprese e contribuenti sono stati paragonati a “mucche da mungere”, e quante volte si è parlato di “mercato delle vacche” per connotare le trattative in vista dell’approvazione di manovre economiche? Più sottile e raffinato, in tema di recinto, sarebbe il richiamo al popolo come “cavallo da domare” già ben noto agli storici delle dottrine politiche.

Ma la vera chiave per comprendere l’Italia, secondo il Censis, è “il resto”: “resto” inteso come “quel che non accede al proscenio e alle luci della visibilità”. Giusto: come animale letargico, la luce non fa per noi, e tantomeno d’inverno. Stiamocene al calduccio “nella fungaia dei soggetti intermedi”, dove magari si trova qualcosa anche da mangiare (sperando che non si tratti di funghi velenosi) e “nella medietà del consumatore sobrio”, ché non venga voglia di agevolare lo scivolamento nel letargo con un bicchierino di troppo. E il resto? Mancia.